Kettlebell WindMill - Base, Facile, Difficile

Il Kettlebell WindMill è il re degli esercizi in OverHead, è la base da cui partire se si vuole progredire con esercizi più impegnativi come Turkish Get Up e Overhead Squat.

Gli esercizi in Overhead consistono nel mantenere il kettlebell sopra la testa mentre si esegue un determinato movimento, due fattori fondamentali che ne determina la riuscita dell'esercizio o meno, poiché se non saremo in grado di mantenere il kettlebell sopra la testa non saremo neanche in grado di eseguirne il movimento, quindi il mio consiglio è quello di partire con un peso non troppo pesante.

Il WindMill è il primo esercizio da eseguire in questo contesto, ci insegna a mantenere il kettlebell sopra la testa eseguendo un movimento non troppo impegnativo (almeno non al pari di Turkish Get Up e Overhead Squat) che consiste nell'eseguire un inclinazione laterale mantenendo appunto il kettlebell sopra la testa.

Tuttavia nel WindMill possiamo eseguire 3 versioni, la prima è sicuramente quella classica, mentre per chi ha difficoltà può regredire ad una versione più facile e infine abbiamo anche una versione più difficile.

WindMill - Versione Base

La versione base del WindMill prevede di portare il kettlebell sopra la testa, posizionare i piedi alla larghezza delle spalle, ruotare le punte dei piedi dal lato in cui andremo ad eseguire l'inclinazione (quindi se impugni il kettlebell con il braccio sinistro ruoterai i piedi verso destra e viceversa), ora esegui l'inclinazione con lo sguardo puntato sempre sul kettlebell, mantieni le gambe tese e porta indietro l'anca sotto il kettlebell, con il braccio libero guida la discesa arrivando con la mano fino alla caviglia o per chi ha una buona mobilità fino al pavimento, torna nella posizione di partenza e ripeti il movimento.

Questa è la versione classica del Kettlebell WindMill, per quanto riguarda le versioni successive lo schema motorio da adottare è sempre questo, cambiano soltanto alcuni accorgimenti che renderanno l'esercizio più facile o difficile.

WindMill - Versione Facilitata

Se invece non riesci a mantenere le gambe tese durante l'esercizio (per mancanza di mobilità o perché non ti senti ancora sicuro), puoi eseguire l'esercizio piegando leggermente le gambe, in questo modo potrai eseguire l'inclinazione andando a toccare con la mano il pavimento o arrivarci molto vicino.

WindMill - Versione Avanzata

Infine possiamo eseguire anche una versione avanzata del WindMill, in questo caso posizioneremo il braccio che abbiamo libero dietro la schiena, in questo modo non avremo come punto di riferimento il braccio che ci guida durante la discesa, quindi sarà l'anca sotto il kettlebell a guidare il movimento, portandola all'indietro quanto basta per determinare l'inclinazione laterale del busto e tornare nella posizione di partenza.

Muscoli Coinvolti
Il kettlebell WindMill coinvolge tanti muscoli nel suo movimento, partendo dagli Estensori dell'Anca poi con Addominali, Quadrato del Lombi, Erettori Spinali, Lunghissimi del Dorso, Trapezio, Romboidi, Parascapolari, Deltoidi, Tricipiti e Cuffia dei Rotatori.

Conclusione
Tantissimi muscoli coinvolti in unico movimento, fanno del kettlebell WindMill un esercizio fantastico che sviluppa capacità coordinative e di propriocezione, oltre alla mole di lavoro che deve sopportare il deltoide costretto a mantenere il kettlebell sopra la testa.

Leggi Anche:
Kettlebell Swing - Il Miglior Esercizio per la Parte Inferiore del Corpo